Design
Leave a comment

Un design week end a Courmayeur

«Ci sono stati anni in cui, al cospetto del Monte Bianco, architetti e designer disegnavano linee sulla pista del Col Chécrouit invece che su un foglio di carta. E aspettando in baita l’imbrunire, per scendere a valle in notturna con le lampade frontali, dismessi gli abiti professionali, nascevano discussioni che suggellavano future collaborazioni». È questo, nelle parole dell’architetto e ideatrice del format Paola Silva Coronel, lo spirito originale della Courmayeur Design Week-end, manifestazione che ha animato la località alpina dal 10 al 13 marzo. Una seconda edizione, patrocinata dall’ADI e dall’Ordine degli Architetti della Valle d’Aosta, che in vero è come una seconda prima volta, dato che l’evento inaugurale risale a prima della pandemia, ma che è già comunque confermato per i prossimi tre anni. «Tutto è nato per celebrare quella tradizionale gara di sci tra progettisti» continua Coronel, «ma parlare di design in alta quota non è così strano, basti pensare alla The International Design Conference di Aspen».

Durante le giornate di Courmayeur, ci sono state mostre diffuse, conferenze, ed eventi che hanno coinvolto 26 grandi nomi del design e dell’architettura e del designr, aziende. Tema di quest’anno, I punti di vista: «Se c’è una cosa che la pandemia ci ha insegnato, è l’importanza di accogliere le differenze per avere una visione più completa. Nella conferenza Point of view, Point of value, sono state analizzate le diverse strategie per la sostenibilità con vari interventi. Nei cinque talk in calendario sono intervenuti personaggi del calibro di Carlo Ratti in dialogo con Leonardo Manera, Marc Sadler, Giampaolo Allocco, Massimiliano Roj, Michele Rossi e firme autorevoli come Walter Mariotti di Domus, Francesca Santambrogio di AD Italia, Maddalena Padovani di Interni e Mia Pizzi, storica redattrice di Abitare.

Poi la presentazione della nuova versione della poltrona Aeron di Herman Miller realizzata con le plastiche recuperate dagli oceani, le pratiche ecosostenibili adottate da un’azienda come 3M. Tra le novità: lo Chalet de Tendence allo Sport Center di Courmayeur, 1500 metri quadri che ospiteranno, oltre i lavori di giovani designer di tutto arco alpino, brand come Eco Contract, Jannelli &Volpi, e JANUS et Cie del gruppo Poltrona Frau; una mostra per raccontare gli oggetti di culto del design Made in Italy attraverso manifesti sistemati sulle telecabine delle funivie del comprensorio Courmayeur Mont Blanc; e un tappeto di moquette stampata a forma di mucca gigante nella piazza della chiesa San Pantaleone, firmato da Cesare Chichi di 967 Architetti.

Almeno per un week end, il design è stato  in alta quota e alla portata non solo di addetti al settore, ma anche di turisti e alpinisti. Tanto che anche i lavatoi sono stati coinvolti nelle installazioni luminose con giochi di riflessi dell’acqua realizzate da Massimo Roj, architetto che ha appena presentato un nuovo bivacco in acciaio, visibile in questi giorni sul piazzale delle funivie di La Thuile e che sarà trasportato il prossimo giugno ai 3400 metri del ghiacciaio del Rutor. Nessuna sfida sulle piste purtroppo. Laddove per anni il trionfatore pare sia stato Luca Zaniboni, tra i fondatori di Dordoni Architetti, anche se, vista l’abitudine di regalare la poltrona Sacco di Zanotta a chi faceva la caduta più fantozziana, nessuno si è mai dispiaciuto di non essere uno sciatore, o sciatrice, provetto.

Nella foto una telecabina-Janus-et-Cie nella foto di GiacomoBuzio.

Integrazione e aggiornamento dell’articolo pubblicato su Design Repubblica di marzo 2022.

Filed under: Design

by

Manuela Mimosa Ravasio è una giornalista professionista con una formazione da architetto. Ha lavorato per anni come caporedattore scrivendo di tendenze e lifestyle in riviste di turismo, cultura e attualità. Oggi svolge la sua attività da libera professionista offrendo anche consulenze in comunicazione, progettazione di contenuti e formazione per strategie narrative e turismo.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments